Limerick

Banksy

Come scrivevo giorni fa in un commento, ho avuto il piacere di pubblicare un libro di limerick. Naturalmente non dirò nulla di questo libercolo… come mia consuetudine.

Comunque: è divertente creare queste buffe poesiole e quindi le propongo come Giocolinguisticodellunedí.

Ecco un esempio del famoso autore Lear.


Un’anziana signora di Praga. A
Si esprimeva in maniera assai vaga. A
Le chiedevi: -E’ un babà? B
Rispondeva:-Chissà! B
Quell’anziana Cassandra di Praga. A
E. Lear


Vediamo la struttura del limerick, che in genere è:

il 1° verso: lungo, con rima A, descrive il personaggio e la sua provenienza (o in rari casi una sua caratteristica);

il 2° verso: lungo, con rima A, illustra una caratteristica strana del personaggio;

il 3° verso: corto, con rima B, contiene l’azione della storia;

il 4° verso: corto, con rima B, riporta il proseguimento dell’azione;

il 5° verso: lungo, con rima A, ripete le parole del primo verso aggiungendo un nuovo attributo stravagante al personaggio, oppure contiene la conclusione della storia.

Ecco un mio esempio:

C’era un topo che viveva nella Mole di Torino

che beveva sempre il vino

fu rapito da un tipo strambo

che gli insegnò a ballare il mambo.

Così balló sempre brillino il famoso topo di Torino…



Lancio oggi il gioco per lunedì. Chi vuol partecipare avrà una settimana di tempo per creare un limerick che verrà pubblicato qui. Abbiate pazienza se non rispondo e pubblico subito. Lo farò.

Buon gioco.

Una signora che abitava fra i monti
scriveva libri solo per marchesi e non per conti.
Del contenuto dei libri solo pochi
sapevano che erano storie di gatti e di giochi.
Così mentre i gatti giocavano i topi e la signora godevano i tramonti.

https://paracqua.wordpress.com

Il giornale semi appallottolato chiese al fuochino:


Perché ti consumi subito come un cerino?


Il fuochino rispose scortese:
vieni.

Lui si distese.


Il giornale semi appallottolato prese fuoco per benino

https://newwhitebear.wordpress.com

Gaspare, giovane ma già rotondo
andava in giro per il mondo

in Lituania una donna
alzò per lui la gonna

Gaspare smise di fare il vagabondo

ml

https://orearovescio.wordpress.com

C’era una vecchia signora di Livorno
che aveva creato un giorno un unicorno.
Lo teneva in casa per paura
che glie lo requisissero in Procura.
Quella maga misteriosa di Livorno…

https://silviacavalieri.com

16 Comments

  1. Una signora che abitava fra i monti
    scriveva libri solo per marchesi e non per conti.
    Del contenuto dei libri solo pochi
    sapevano che erano storie di gatti e di giochi.
    Così mentre i gatti giocavano i topi e la signora godevano i tramonti.

    Piace a 2 people

  2. Ciao Elettasenso, grazie per avermi insegnato l’arte del limerick! Mi è venuta subito voglia di provare con questa opera prima 😉 che dedico un po’ a me e un po’ alla città che mi ospita da più di mezza vita. Chiudo augurandoti una buona serata 🙂

    La maga di Livorno

    C’era una vecchia signora di Livorno
    che aveva creato un giorno un unicorno.
    Lo teneva in casa per paura
    che glie lo requisissero in Procura.
    Quella maga misteriosa di Livorno…

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...