Poesie salvate dal rogo 2

Sono un sismografo

e sento:

sono alambicchi fumanti

i pensieri.

Esiste il fulmineo rapimento dell’essenza

e io so.

La mia rete ha raccolto tanti pesci

– azzurri, con squame lucenti –

o torbide murene.

Mi nascono antenne sottilissime:

vibrisse d’anima.

So come orientarmi e chi pensare.

Incido l’intuizione

sulla lastra di rame

e, subito,

ho la banconota del ritorno.

14 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...