Scrivere


Amo scrivere.

Con momenti di salita e discesa, con pause di silenzio e momenti di chiasso, con cautela o sfrontatezza.

Scrivo da sempre, da quando avevo sedici anni, forse meno. Scrivo per me, scrivo per altri, scrivo perché questo so fare.


Preferisco lo scrivere al parlare.

Quando a diciassette anni volevo colpire al cuore la sensibilità di mio padre, fargli capire – davvero capire – quello che provavo e desideravo, gli ho scritto una lettera. Vivevamo sotto lo stesso tetto, ma io gli ho scritto ottenendo quell’intimità necessaria per una comunicazione sincera, pulita, scevra dall’ingombro dei corpi.

Ho poi scritto a un amore, ad amori, e da lui, da loro, ho ricevuto un mare di parole. Scrivere per me è toccare l’anima al di là del quotidiano, del senso chiuso di questa vita, è andare al centro senza dispersioni e condizionamenti.

Per questo il dolore più grande che possono darmi è vietarmi di scrivere ( non scrivermi più ): è come uccidere una parte di me, tagliarmi le ali, chiudermi la bocca, togliermi il modo espressivo elettivo.


Attraverso la scrittura mi spoglio e spoglio. Dall’orgoglio, dalla staticità, dall’impossibilità di mutare variare cambiare giocare sperimentare stimolare un modo nuovo di vivere e stare – dentro la scatola del tempo e dello spazio.

Il regalo più bello che ho ricevuto è stata una lettera. Una mail in questo tempo veloce. Una comunicazione scritta arriva più velocemente al cuore. Mira al centro. Non ha dispersioni.


Ci sono persone che amano parlare. Io amo scrivere. È questo il mio canale preferenziale per dire.

Per questo io sono nelle cose che scrivo, più che in me in carne ed ossa.
Per questo per conoscermi a fondo basta leggermi. Non stare alla superficie che mostro.


La mia traccia nel mondo è la bava – lucente o oscura – della mia scrittura.
Quel che resterà dopo di me. O svanirà con me.


C’è chi accumula cose, io accumulo parole.

14 Comments

  1. sai che da ragazzo anch’io ero così! Ho scritto lettere per moltissimi anni, e spesso preferivo comunicare via scrittura un’emozione che provavo. Quando ho cominciato a scrivere poesie, in qualche modo erano dediche mai consegnate, ma per me importanti, solo scriverle spesso mi faceva stare bene..😉👍

    Piace a 1 persona

  2. A me piace tanto scrivere ma anche parlare, fissare la persona a cui voglio bene negli occhi. In questo periodo purtroppo è in realtà tanto che non riesco a scrivere. In effetti avverto un dolore come se mi fossi tolta una parte di me. Ci sono eventi a volte che per un pò cambiano la vita. Ma so che tornerò a scrivere perché fa parte del mio essere. Buona serata Eletta e un sorriso. Lila

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...