JOYCE

Immagine fotografica di Eletta

Una delle trasmissioni televisive che mi piace seguire è “L’eredità” su Rai Uno. Mi piace perché il fulcro del telequiz sono le parole. Parole da abbinare in modo logico nel gioco finale “La ghigliottina” e parole di cui sapere o trovare il significato in altri giochi, il tutto condito da interessanti nozioni e informazioni di cultura generale.

Ieri sera una delle domande verteva su: Un romanzo che è stato censurato negli anni venti. Tra le varie opzioni il concorrente, un ragazzo di diciannove anni, ha scelto Ulisse, argomentando la sua scelta con il fatto che ricordava lo scandalo suscitato dal linguaggio e dal tema del romanzo di Joyce.

Io avevo capito la risposta: l’Ulisse di Joyce rimane ad ora il libro che più ho amato e che più mi ha divertito. Non a caso il mio sito riporta nella presentazione una frase di Joyce.

Sono però rimasta colpita dal fatto che un ragazzo così giovane lo conoscesse. Ci sono persone ben più mature che non lo hanno mai letto e che, pur leggendo e magari scrivendo, lo ignorano: pur essendo una pietra miliare della letteratura moderna.

Questa opera va letta per il flusso narrativo: il racconto si svolge attraverso il monologo interiore che descrive il flusso di coscienza, per l’utilizzo del linguaggio, per il sovvertimento di qualsiasi regola sintattica. Soprattutto va letto per chi scrive e aspira alla pubblicazione. Impossibile ignorarlo, non conoscerlo.

Dello stesso Joyce sto leggendo: “Gente di Dublino”. Racconti ben scritti, ma che non presentano ancora il salto anarchico del linguaggio.

Naturalmente c’è chi preferisce la scrittura pulita ordinata regolata dalle regole solite dello scrivere. Soggetto predicato e complemento. I punti al punto giusto e le virgolette.

C’è chi preferisce l’arte classica a certi scarabocchi di Mirò o a certi sovvertimenti del ritratto del cubista Picasso o a certe colate dell’arte action painting di Pollock.

A mio parere, tempo permettendo, è bene conoscere Dante e Dostoevskij come è bene conoscere Joyce o Borges; è bene conoscere Caravaggio e Tiziano così com’è bene conoscere Kandinskij e Paul Klee.

18 Comments

  1. Sai che Ulisse è il mio libro preferito, un punto di non ritorno della letteratura, a mio parere.
    Ostico, complesso, radicalmente sradicato dalla tradizione, di cui però, è intriso, Ulisse siamo noi, tutti noi, con i nostri successi e le nostre delusioni, siamo noi ed il nostro sentire più intimo e meno luminoso.
    Se un lettore volesse leggere un libro ben scritto, non provi a leggere Ulisse, ma se volesse leggere se stesso, beh, s’immerga in questa meravigliosa epopea dell’anima.

    Piace a 3 people

    1. Grazie per il tuo compiuto commento che aggiunge elementi per chi volesse conoscere l’Ulisse. Amo i sovvertimenti anche linguistici per cui a me pare comunque un libro “ben scritto”. Naturalmente c’è qualcuno, a parte noi due e altri diecimila, che arriccerà il naso leggendo pagine senza un segno di punteggiatura o parole lunghissime attaccate o onomatopee e giochi vari

      Piace a 1 persona

      1. …o neologismi incatenati in apparenti giochi di nonsense.

        “Alla fiera dell’est”, famosissimo brano di Branduardi, è tratto quasi integralmente da Ulisse, ma non lo sanno che pochissime persone.

        Grazie a te per aver offerto l’opportunità di ricordare un rivoluzionario della letteratura, un talento affascinante e puro.

        Piace a 2 people

    1. Per me la scintilla di curiosità è stato leggere il Ritratto dell’artista da giovane, visto che Ulisse ne continua un personaggio. Se lo leggi subito dopo, capisci molte più cose e hai molta motivazione. Ulisse da solo, senza quell’altro libro, è davvero facile abbandonarlo (purtroppo), era successo anche a me! Ciao e scusate l’intromissione 😀

      Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...