Categorie
Gioco

Tautogramma in D

Dove dirigi il dolce dirigibile

nel duttile declivio del dí?

Dimmi dei diecimila destini

che dirottano dentro.

Dimmi del desiderio

dovunque.


Ecco il mio testo di esempio per il Giocolinguisticodellunedí: un Tautogramma in D come Dicembre.

Attendo i vostri gentili testi e ricordo ai nuovi del club che si ha tempo tutta la settimana per l’invio.

I testi inviati vengono trascritti qui⤵️ con il link del vostro sito.

Buon lunedì a tutti

Eletta


Dedichiamoci deliziosi dolci dessert da degustare dilettandoci in dicembre. La dieta diverrà dirimente… dopodomani!

http://traitaliaefinlandia.com


«Dimenticavo di dirti: ti desidero».
Detto il desiderio di Donato, Dea dettò un documento al direttore del demanio.
“Devi determinare la dabbenaggine di Donato, un damerino, un dandy che ci danneggia dappertutto. Il suo dazebao dabbasso ci dà danno. Dobbiamo decidere!”
Dea diede di gomito a Davide dacché dava gioia a Dafne per la decisione del direttore di demansionare Donato.
«Dannazione!» disse Donato deluso per la deblace.

https://newwhitebear.wordpress.com


Il diverbio tra Daniele e Dario degenera in duello. La disfida è dovuta a Dorina, dubbia dama che docile s’è dichiarata disponibile ai due, dicendolo domenica a Dario, il dì dopo a Daniele.
“Devo darci dentro” si dice Dario per darsi determinazione, ma un devastante diretto destro gli fa dondolare un dente.
Dente per dente, anche Dario danneggia la debole dentatura di Daniele.
Doloranti e (s)dentati i due decidono che Dorina non è degna dei loro denti decidui.
Decidui?? Sì, decidui, dacchè i duellanti non fanno dodicianni in due!
ml

https://orearovescio.wordpress.com


oasi (metafora)/

Devastata da disco dardeggiante,/
dopo dodicimila dune desertiche,/
distrutta da dorsali dondolamenti/
di dromedari disidratati,/
dentro delubro dilavatami,/
difesa da dorati drappi di Damasco,/
desidero dormire. Dopo, dissetata/
da densi distillati, da decotti,/
devo desinare doviziosamente./
Datemi datteri, droghe, dolcetti…/
Datemi diletto, djembe,/
danze dionisiache,/ destini divini…/

https://silviacavalieri.com


Dimentichiamo la dieta
dedichiamoci a degustare
deliziosi dolci e dessert
nelle domeniche di dicembre
destinate a diffuse delicatezze

https://wordsmusicandstories.wordpress.com


In una divertente domenica di dicembre, Dario e Dorotea, degustano delicati dolcetti, datteri, distillati divini, doppie dosi di drink, danzando dondolandosi tra diademi diamantati.
Dormono, e domani dovrà disegnare per duemila denari questa donna e dama deliziosa, desiderosa di un dipinto discinto!

https://petaliazzurri.wordpress.com

26 risposte su “Tautogramma in D”

«Dimenticavo di dirti: ti desidero».
Detto il desiderio di Donato, Dea dettò un documento al direttore del demanio.
“Devi determinare la dabbenaggine di Donato, un damerino, un dandy che ci danneggia dappertutto. Il suo dazebao dabbasso ci dà danno. Dobbiamo decidere!”
Dea diede di gomito a Davide dacché dava gioia a Dafne per la decisione del direttore di demansionare Donato.
«Dannazione!» disse Donato deluso per la deblace.

Piace a 2 people

Il diverbio tra Daniele e Dario degenera in duello. La disfida è dovuta a Dorina, dubbia dama che docile s’è dichiarata disponibile ai due, dicendolo domenica a Dario, il dì dopo a Daniele.
“Devo darci dentro” si dice Dario per darsi determinazione, ma un devastante diretto destro gli fa dondolare un dente.
Dente per dente, anche Dario danneggia la debole dentatura di Daniele.
Doloranti e (s)dentati i due decidono che Dorina non è degna dei loro denti decidui.
Decidui?? Sì, decidui, dacchè i duellanti non fanno dodicianni in due!

ml

Piace a 2 people

Ciao, Elettasenso, eccoti il mio contributo, con l’augurio di passare un’ottima serata. Buona serata!/

L’oasi (metafora)/

Devastata da disco dardeggiante,/
dopo dodicimila dune desertiche,/
distrutta da dorsali dondolamenti/
di dromedari disidratati,/
dentro delubro dilavatami,/
difesa da dorati drappi di Damasco,/
desidero dormire. Dopo, dissetata/
da densi distillati, da decotti,/
devo desinare doviziosamente./
Datemi datteri, droghe, dolcetti…/
Datemi diletto, djembe,/
danze dionisiache,/ destini divini…/

Piace a 3 people

ti scrivo il mio componimento…

“In una divertente domenica di dicembre, Dario e Dorotea, degustano delicati dolcetti, datteri, distillati divini, doppie dosi di drink, danzando dondolandosi tra diademi diamantati.
Dormono, e domani dovrà disegnare per duemila denari questa donna e dama deliziosa, desiderosa di un dipinto discinto!”

buona notte a te! 😊🌲✨

Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...