Era

Era tremante al cancello quando lui uscì. Era così magra e instabile. Era come in continua balia delle onde. Era rimasta folgorata dalla lettera come se le parole e quella scrittura così minuta avessero il potere di destabilizzarla totalmente. Era in un periodo così buio che le pareva impossibile splendere. Era così bella e fragile senza sapere che due uomini la volevano e lottavano per averla. Era la preda predata cercata catturata e forse uccisa, sicuramente sacrificata. Era nelle braccia dell’uno e poi dell’altro. Era come una bambola di pezza strattonata per averla. Era un giocattolo rotto lasciato sul ciglio della strada. Era perduta. Era rinata senza duelli e spade e cavalieri e principi. Era finalmente salda. Senza onde e mareggiate. Era ferma.

3 Comments

  1. bellissima pagina di scrittura, la fragilità di una donna, la sua meraviglia, fra i contrasti vivi di una vita avvolta ai rulli della poesia ..👏👏👏👏👏👏👍
    Sul mio blog ho cominciato a raccontare la tua montagna, un caro abbraccio…🤗😊😉

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...