Confini

Attraverso i vetri

L’ossessione latina del confine spaziale nasce con il mito della fondazione: Romolo traccia un confine e uccide il fratello perché non lo rispetta. Se non si riconosce un confine non può esserci Civitas.

Orazio Coclite diventa eroe perché ha saputo trattenere il nemico sul confine, un ponte gettato tra i romani e gli altri. I ponti sono sacrileghi perché varcano il sulcus, il cerchio d’acqua che definisce i limiti della città: per questo la loro costruzione può avvenire solo sotto il rigido controllo rituale del pontifex“…

Da: Don’t. I limiti della interpretazione – Umberto Eco – La nave di Teseo

Ho imparato a tracciare e difendere il mio confine da poco tempo. Prima lasciavo ai barbari l’invasione. Le mie tinte mescolate e confuse con altre di altri, come nell’immagine fotografica.

La difesa del proprio confine, quando aprire e quando chiudere le porte, è molto importante non solo per la civitas, ma anche per il privato. Anche nella vita affettiva con il proprio partner o con i propri amici o familiari.

Ci sono persone che ti inglobano, di te si nutrono, ti mangiano energia e sorriso. Meglio tracciare un confine. Meglio tenerli a distanza. Sono orchi.

Nella mia terra torre eburnea sto bene. Quando voglio apro la finestra e getto una treccia.

20 Comments

  1. spesso le persone si approfittano di noi, bisogna saper distinguere bene sia le amicizie che gli amori. Belle queste tinte sfumate, riprendono molto bene il concetto espresso nella riflessione, diventando parte integrante del discorso…👍👍👏👏😉
    Buona serata, un caro abbraccio 🤗

    "Mi piace"

    1. Dipende. Dipende sempre dal punto di vista. Se segui alcuni studi comportamentali saprai che di fronte a persone affette da narcisismo patologico, è bene stabilire dei confini. ( Pare che in questo periodo ve ne siano davvero troppi). Per esempio. Buona giornata Rodi

      "Mi piace"

      1. Guarda che non c’è incoerenza. A me piace il contraddittorio ma qui si fa lunga… Essere aperti agli altri non significa non avere confini e non saper tutelare i propri confini… Sono due campi diversi. Comunque rispetto il tuo punto di vista

        "Mi piace"

  2. I paletti a proteggere gli spazi esterni, le corazze a proteggere quelli interni, sono necessari per la propria salvaguardia. Forse limitano il bene, ma di sicuro impediscono il male: le crepe, le aperture, lasciano penetrare ogni cosa.
    Non è solo l’essere umano a decretare i propri confini, anche ogni altro animale determina il proprio territorio, non è questione di possesso, ma di semplice sopravvivenza.

    Piace a 1 persona

      1. Sai, credo che oggi il buonismo e tutto ciò che finisce in …ismo, ci abbia fatto perdere molto di quel buonsenso che avevano i nostri vecchi, per i quali la “misura” stava nel mezzo e dopo attenta riflessione. Ora si seguono le varie “ondate”, sbattute di qua e di là, senza molto riflettere, a partire dai nostri governanti che dovrebbero, innanzitutto, oltre che imparare a governare se stessi, a prevedere le conseguenze, immediate e future, delle loro scelte.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...