Pace amore e coltello

Immagine fotografica di Eletta Senso

Purtroppo, per esperienza personale, diffido dei così detti “guru”. Ti incantano con vibrazioni positive, campi energetici, chakra, meditazioni varie e tutto il paniere completo della filosofia olistica…

Ti parlano di mente, meditazione, respiro, yoga, Tai chi, bagni energetici, campane tibetane, armonia pace interiore e poi…

E poi, spesso questa è solo una facciata da sepolcri imbiancati per non vedersi e farsi vedere diversi: in modo da splendere. Il loro obiettivo è splendere.

Si vestono da monaci tibetani per nascondere il male che è nei loro esseri. Il male che fanno e che sono.

Queste riflessioni sono scaturite dopo la lettura dell’articolo relativo al fatto di cronaca nera di cui ho scritto anche ieri: il padre che ha ammazzato i figli adolescenti e poi si è suicidato.

Prima di giungere a questi gesti efferati, nel tempo prima, nei mesi prima, nei giorni prima… questo padre parlava di amore armonia pace interiore ecc. ecc.

Solo chi ha provato come me a stare con persone bipolari: da un lato tutta luce, dall’altro solo ombra buio… può capire.

Il mio uomo Zen – stato più volte in India negli hasram per imparare la meditazione e tutti i principi del buddismo – era lo stesso che mi chiudeva a casa a chiave, impedendomi la libertà, e mi riempiva di botte da un momento all’altro, senza motivo apparente, tranne che per l’uscita improvvisa della sua parte nera. Più la soffocava sotto tuniche arancioni e più usciva la parte bestiale.

In camera aveva un quadro con i piedi di un santone indiano, in un vasetto la polverina rossa che il santone faceva magicamente emergere dalle mani e donava ai fedeli… Alla folla che aspettava la polverina rossa magica…

Il mio uomo guru, pieno di belle parole e insegnamenti Zen, ogni mattina intingeva il dito nel vasetto e si metteva sulla lingua un po’ di polverina magica per essere più santo. Poi ogni tanto, quando mi rompeva le ossa neppure si rendeva conto che la polverina non aveva effetti così efficaci sulla bontà pace e armonia interiore.

Per tornare al fatto di cronaca nera: mi immagino il viso dei poveri figli adolescenti quando hanno visto loro padre passare dalle frasi di amore e armonia a brandire il coltello per ammazzarli.

È questa la cosa più spaventosa: il non aspettarsi mai da un essere di luce che calino le tenebre…

( Avrei volentieri aggiunto il brano di Babananga, mi sembra si chiami così, sentito stamattina al Ruggito del Coniglio su Radio Due: una simpatica e divertente presa in giro di una guru…)

10 Comments

  1. straziante il tuo racconto! non ho mai creduto nei guru e sei santoni, il mio essere profondamnete laica, mi ha preservato da tutto questo! ed è vero non sai mai cosa si ansconde sotto il tappeto anche di chi professa tanti buoni sentimenti!

    Piace a 1 persona

  2. intanto mi spiace moltissimo per il tuo vissuto, certe cose non si dimenticano mai, riguardo queste persone, spesso il loro problema è noto, ma non vogliono farsi aiutare. Ritengono di poter guarire con questi riti di positività, con quest’aria da santoni che personificano nel modo migliore, ma il loro stato mentale viene sempre a galla prima o poi. La cosa terribile a mio avviso è vedere come molta gente si affidi a loro, incurante della personalità reale che hanno di fronte….

    Piace a 1 persona

  3. La violenza è sempre una brutta bestia. Anche la violenza psicologica di cui si parla meno, ma che non è meno devastante e grave. Le esperienze servono anche quelle brutte. Io mi sono salvata e ora posso parlarne.

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...