Gratitudine

Ogni giorno che nasce dovremmo essere grati. Per quello che abbiamo. Invece, spesso, siamo pronti a piagnucolare per quello che non abbiamo o abbiamo perso.

Non c’è giorno che passi senza che io mi senta profondamente grata per questo luogo dove vivo. Che mi ha scelto e che ho scelto.

Prima ero talmente immersa in tante cose da fare, in tante cose da comprare che non vedevo nulla. Non assaporavo nulla.

Nel seminario al castello, nella sala del trono, una donna del gruppo mi ha detto: – Regalati il verde.

Non sapevo nemmeno cosa fosse il verde, non conoscevo l’odore dell’erba, il profumo del fieno e del bosco.

Sono praticamente vissuta nel cemento e l’erba era quella dei giardini delle ville.

Al castello ero andata perché avevo voglia di cambiare. È stata l’esperienza più interessante e importante della mia vita.

Il gruppo era formato da quindici persone. Conducevano una psicologa e suo marito psicoterapeuta. Il tema era: “Ieri, oggi, domani”. Si lavorava dalla mattina alla sera. In plenaria e da soli. Con tutti i linguaggi: verbale, grafico, corporeo. Alcune sessioni venivano registrate e viste e commentate insieme la sera.

Da allora la mia vita ha preso una via diversa. Perché ero pronta al cambiamento.

Se non si è pronti al cambiamento nulla può cambiarci.

– Regalati il verde. È diventato reale.

Ora sono immersa nel verde. Non potrei più fare a meno del verde.

Ora mi nutro respiro assaporo il verde in tutte le sue sottotinte ogni giorno. E la mia giornata ha colore.

Sono talmente affamata di verde che mi fa fatica prendere la macchina e scendere in città. Questo comporta rinunce: nessuna spesa nei supermercati e quindi scelta limitata dei prodotti; niente più shopping o giretti per negozi; niente più vasche o struscio.

Lo struscio lo faccio sui ciottoli del ruscello che scende dal nevaio. Le vasche le faccio sul sentiero solitario immerso nella pineta. La colazione non è al tavolino del bar circondato dal traffico: è nella quiete con gli alberi e le nuvole che si riflettono nell’acqua.

E io mi sento grata.

3 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...