Il momento

Il momento più straziante di questo periodo epidemico è quando incontri chi ami e non lo puoi abbracciare.

Oggi dopo molti mesi ho rivisto le mie donne: mia madre e mia figlia. Sono venute finalmente a trovarmi attraversando le regioni. È stata una bellissima giornata.

La cosa più straziante è stata non poter abbracciare mia figlia perché noi abbiamo un rapporto molto fisico e anche l’ultima volta che era stata qui siamo state accoccolate sul divano a coccolarci. Vicine.

Non sto a dire quanto mi manca un caldo abbraccio. E anche a lei. È davvero terribile: per chi manifesta il volersi bene anche attraverso il contatto corporeo, non poterlo fare.

È terribile perché pone un muro. Una distanza aliena. Non voluta istintivamente e affettivamente. Al momento della partenza non potersi abbracciare è contro-natura. E strazia il cuore.

Lo può provare e capire solo chi sa cosa vuol dire un abbraccio.

10 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...