Sei marzo

Ieri, riordinando le immagini sullo smartphone, ho visto questa.

Sei marzo. Il vento si era alzato sollevando in un turbine la gonna della neve. Ricordo quel giorno come ancora “spensierato”. Forse ancora non c’era in me l’idea della catastrofe, della imminente guerra. Come una bambina avevo gioito per l’inatteso spettacolo. C’era il sole in terrazza.
Ora siamo soli. Soli e chiusi dentro nel dolore. Nella paura dell’attesa.
C’è questo tsunami che ci inghiotte e con noi tutto. I nostri libri abitudini giri spese vestiti cani amori amici divani quadri. Tutto sprofonda e diventa un mulinello di polvere.
Sono giorni di estrema agonia.

12 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...