Affinità

Immagine fotografica di Eletta

L’affinità elettiva. Un sentire “insieme” sintonico. Essere in profonda comunicazione. Al di là delle parole. Un’intimità viscerale e radicale.

L’ho provata, almeno una volta in vita con un partner. È stato davvero magnifico. Parlare la stessa lingua, sentire le medesime emozioni. Stupirsi e gioire insieme: per una camminata in mezzo alla natura, per un concerto di musica classica, per una visita in un museo o in una città d’arte. Essere due, ma diventare un terzo essere. Ricreare l’unità perduta.

Il tipo era, è, un architetto. Avevamo lo stesso gusto per le forme e i colori. La sua preparazione si univa alla mia nella creazione estetica e abbiamo progettato e portato a termine due creature nostre.

Pareva tutto rose e fiori. L’uomo aveva un quoziente superiore alla norma – così mi ha confermato lo psichiatra. Peccato che lo psichiatra mi ha anche confermato che se non mi fossi allontanata da lui sarei morta: mi avrebbe ucciso.

Genio e follia spesso vanno di pari passo. Da allora non ho più avuto il piacere di vivere una affinità elettiva con altri. Niente gallerie e mostre d’arte, niente concerti da assaporare piano, niente conversazioni sui temi che prediligo. Ho vissuto da sola ogni emozione, stato d’animo e sentimento.

Avevo trovato ultimamente un’amica che credevo potesse diventare una a cui dire e con cui condividere. Così pareva all’inizio: andremo faremo…

Ha preferito mettere al primo posto i suoi infiniti impegni professionali senza mai lasciar spazio a un caffè o una tazza di the. O a un teatro. Cinema. Concerto.

Mi manca davvero molto un referente con cui condividere quello che sento e che provo. Mi manca l’altro elemento chimico con cui crearne un terzo.

Per questo scrivo e pubblico qui e altrove: per gettare onde che trovino risonanza. E, francamente, trovo più risonanza qui con perfetti sconosciuti, che nella vita reale e quotidiana.

Per questo ringrazio di cuore tutti quelli che, leggendo quello che scrivo, riescono a dare nuovo impulso alle onde emozionali e creare un moto.

16 Comments

  1. Affascinante è l’affinità, quella che consente di vedere lo stesso passaggio pur trovandosi in luoghi differenti.
    Ho creduto di vivere situazioni di grande affinità, salvo poi scoprire che non era fondamentalmente così; ma la vita, per fortuna, può riservare bellissime sorprese, ed io ci credo.

    Piace a 1 persona

  2. L’amore che scaturisce da un’affinità elettiva è amore di pura estasi, di pura armonia e in quell’armonia magnifica tutto diventa possibile, anche il riuscire a stare insieme nonostante le distanze spazio-temporali. Due che diventano uno, due che unendosi danno vita a un terzo elemento chimico…bellissimo post Eletta 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...