Luna

Immagine fotografica di Eletta

La luna è apparsa all’orizzonte ieri sera mentre tornavo a casa. Tonda e piena profumava l’aria tersa e frizzante. Luna piena. Piena luna.

Tutti ululano in questi giorni. Io mi rivolto alla cattiveria. Sembra che nulla sia dolce. Aguzzi spilli che penetrano nella carne.

A volte mi chiedo perché. Perché incontro persone così arroganti scomposte maleducate. Cattive. Qual è lo scopo e il senso di questi incontri.

So di non essere una donna facile. Ma non sempre è colpa mia. Come quando una, che pensavo amica, mi ha fatto una scenata a tavola perché pensava volessi rubarle l’amante. Tienitelo tutto l’omino dai capelli tinti e dai baffetti basso. Lui aveva tentato di baciarmi nell’ascensore dell’albergo. Avevo allora allungato le braccia per tenerlo distante.

Semplicemente ero una preda appetibile ma questo non faceva di me una scema. Dopo quella vacanza non ho più voluto avere a che fare con l’amica. È diventata una ex amica.

Quando eravamo in classe insieme eravamo compassionevoli verso la sua ruvida povertà. Anche mia madre le aveva cucito una gonna. Viveva con i fratelli che sembravano peruviani in un paese di montagna insieme alle mucche. Ho fotografie della gita: con un’altra amica eravamo andate a trovarla.

La ricordo poi, in cucina, fumare una sigaretta dopo l’altra con la voce roca. Le piaceva un abito che indossavo e io gliel’ho donato.

Francamente non credo di essermi meritata così tanta cattiveria e veleno. E così è per altre persone che, improvvisamente, mi trattano male perché appaio così forte e diversa da diventare bersaglio di invidia e maldicenza.

Per questo evaporo. Non vedono di me neppure l’ombra.

13 Comments

    1. L’invidia è una gran brutta cosa, e spesso fa danni.
      Leggendo questa vicenda, ritengo che tu abbia fatto bene ad evaporare, perché si coglie una profonda disparità, uno sbilanciamento in termini di scambio affettivo ed emotivo troppo accentuato per non portare ad un’evaporazione.

      Piace a 1 persona

      1. Io – naturalmente non ti conosco, ma ti leggo con attenzione – non ti definirei mai selvaggia, ma di personalità, elemento che fa più rumore di una piega non perfetta.

        "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...