Giù

Sono giù in valle per un salto mordi e fuggi. Fa caldo e non sono abituata a stare con un top le braccia nude senza un golf. L’aria è pesante e sa di traffico automobili fabbriche.

Eppure ci sono luoghi incantevoli: come questo parco scoperto ieri con il prato già punteggiato dalle prime colorate foglioline di betulla. Penso a tutte le persone che hanno subito tutto questo caldo per l’intera estate. Penso a quanto sono fortunata.

A mezzogiorno tornerò su. Mi manca il fresco, il giardino, l’orto, l’aria leggera e la mia casa. Porterò un po’ di libri che erano rimasti qui, li aggiungerò alle pile che giacciono per terra sul parquet. Una delle cose che mi indispettisce è, in casa mia, cercare un libro e non trovarlo perché è rimasto giù nella casa in città.

Facendo un conto sommario ne avrò ancora una settantina da trasferire.

4 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...