Taccuini

Ieri, visto la pioggia, nel pomeriggio ho riordinato. Sono saltati fuori dei taccuini. Io scrivo sempre. Pare che abbia bisogno di fermare la realtà, che mi scorre come acqua nelle dita, attraverso la scrittura.

Ho trovato pagine di un antico amore. Quando apro un libretto e comincio a leggere mi ci vuole un po’ per capire di quale momento si tratta, di quale fase. Essendo una smemorata non trattengo date e ricordi che vanno sovrapponendosi in strati archeologici. Devo quindi scavare per trovare tracce.

Due taccuini erano relativi a un periodo di folle innamoramento. La frase “ti amo” era continuamente presente nella trascrizione di alcuni messaggi che io e lui ci inviavamo. Era un uomo che scrive e ama la scrittura come me. Direi che la nostra è stata una passione proprio basata sulla scrittura.

Un passaggio direi cinematografico mostra lui che passeggia nella città con in mano un taccuino interamente scritto da me e piange di gioia e commozione. Forse per questo nel sogno di stanotte ero in una sala insieme a due persone e dicevo: – Vi avviso: alla visione di questo finale di film non potrò fare a meno di piangere. Ho sempre pianto ogni volta che l’ho visto.

Non so se capita anche a voi, ripensando ad alcune storie amorose del passato anche piuttosto recente, di provare un senso di straniamento. Come se, appunto, si vedesse un film in cui non siamo noi i protagonisti. Per me è così. Mi pare incredibile di aver baciato, non dormito per l’agitazione, aspettato con trepidazione il momento dell’incontro con una persona che ora è nulla. Eppure in quella fase della mia vita era tutto.

Non so se buttarli quei tre taccuini trovati ieri, e già scampati alla moria del trasloco ( ne avrò già gettati a decine ).

Prima trascrivo alcuni messaggi e notazioni. Prima che la nebbia svapori ogni cosa. Prima che siano inghiottiti nel bidone carta.

Non sono con te

Ma sono sotto il tuo cuscino

Amando il tempo delle tue tristezze

So che il tempo avrà il tuo respiro

E i tuoi occhi, solo i tuoi.

*****

C’è tanto amore acceso

sotto la cenere dei silenzi

che forse non basta il cielo

a svelarne il colore

*****

Quando ti senti stanca

Cercami a pancia in giù

Tu sai che m’avvito al tuo silenzio

Che si apre alla mano

Complice il sogno

Andare a pesca di ami tra le tue labbra

******

12 Comments

  1. L’ultima poesia è bellissima.

    E quello che hai scritto – “mi pare incredibile di aver baciato, non dormito per l’agitazione, aspettato con trepidazione il momento dell’incontro con una persona che ora è nulla. Eppure in quella fase della mia vita era tutto” – mi fa quasi paura, perché è forse qualcosa che sto vivendo anche io.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...