L’amore ama

L’amore ama amare l’amore” scrive Joyce. In queste giornate piene di continuo assillante sole e improvvisi fuochi, giornate assolutamente non in tema con le giornate dedicate alle tenebre e alla morte, fa bene pensare al tema centrale della vita: l’amore. Che poi si declina in amore anche filiale, recuperando il tempo di un fiore sugli avi già passati o ringraziando il fato sui genitori rimasti ancora in salute. L’amore, dicevo, è il tema. Il grande tema della nostra umana vita attorno a cui ruota tutto. Il bisogno di amare ed essere amati.

Nel magnifico libro: Frammenti di un discorso amoroso, Roland Barthes scrive:

La stupidità è l’essere sorpresi. L’innamorato lo è continuamente; esso non ha il tempo di trasformare, di coprire, di proteggere. Forse è cosciente della sua stupidità, ma non la censura”.

Mi sono sempre sentita stupendamente stupida quando mi sono innamorata. Illogica, irrazionale, sciocca nel compiere azioni contro ogni regola. Ne ho davvero fatte di tutti i colori perché ero posseduta dall’amore. E, per chi come me, che ama l’amore: la vita senza amore è senza colore. Mancano le vibrazioni, le profondità, gli abissi e le vette, le tinte squillanti e shocking.

Mi risulta davvero noiosa l’uniformità. Come sento noiosi questi infiniti giorni sempre assolati. Il desiderio dell’altro irrompe dando una nuova luce e ombra all’uniforme quotidianità. Desiderare un altro ci sposta dal nostro baricentro. Aggiunge vita alla nostra vita.

Linfa vitale per chi scrive.

” e tu mio altro senti un po’ quando ti deciderai a rispondermi ho nostalgia di te ho voglia di te sogno di te per te contro te rispondimi il tuo nome è profumo diffuso il tuo colore spicca tra le spine fa’ che il mio cuore si riabbia con del vino fresco fammi una coperta di mattino io sto soffocando sotto questa maschera pelle drenata livellata niente esiste a parte il desiderio”.

Sollers

Niente esiste a parte il desiderio.

È il legame tra Eros e Thanatos. Amore e morte sono indissolubilmente legati.

13 Comments

  1. Ieri ho pensato di comprare il libro Frammenti amorosi. E giorno in cui iniziai a scrivere direi ogni giorno, ininterrottamente, fu quando mi innamorai di una mia collega … o di Sara … ma più in là di Paola … e Anna e di Antonella e del post che scrisse Micaela e della donna in carne e ossa nel quadro che scorre ogni giorno negli occhi. I sensi. E l’anima. Le mani che ti cingono. E le labbra che delicate, ingorde, erotiche e porno che percorrono l’anatomia amorosa dell’amore.

    Piace a 1 persona

  2. “per chi come me, che ama l’amore”
    Ecco una cosa che non ho mai conosciuto: amare l’amore.
    Nemmeno nell’adolescenza ho avuto questo tipo di sentimento. Decisamente non ho avuto un’adolescenza, questo è vero. Poi, giovinezza e maturità sono state altro. Ho la disgrazia di avere una testa “fredda” e quadrata. L’amore, in me, si sviluppa sempre lentamente, come se si costruisse giorno dopo giorno, nel rapporto con l’altro. Anche nell’amicizia sono fatta così.
    Buon pomeriggio.
    PS. Molto bello ciò che hai scritto, bello e interessante.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...