Un altro borgo

La neve, il ghiaccio e i lupi (e già… sono arrivati anche loro ma ne parlerò un’altra volta) non permettono camminate nei soliti percorsi. È rimasta la Panoramica e poco altro così ieri mattina ho voluto fare un giro in altri borghi vicini a veder l’aria che tira.

L’aria era tesa e fredda verso le undici, ma prima buona per curiosare e vedere un camino del 1880 che sta fermo e non cammina, un omino con la gerla vuota sulle spalle che ci dà il benvenuto e i vicoli stretti con alcune rose rosso cupo ancora fiorite.

Pietra e legno. Silenzio. Nessuno in giro. Nessuna radio tv accesa. Silenzio. Il rosmarino e la salvia, alberini con piccole meline rosse e un albero di cachi arancioni e tondi. Fiori di crisantemi semi gelati. Pungitopo con le bacche rosse.

Si sale e si scende tra le antiche case dalle lunghe balconate in legno. Si cammina sulla pietra ruvida e nera. Si respira un tempo perduto. Ma vivo.

18 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...