Buongiorno piccola


Buongiorno piccola, mi scrive l’uomo macho. A lui, come ad altri, piace scrivere “Buongiorno piccola”.

Fa molto Humphrey Bogart con la sigaretta penzolante dal labbro inferiore e rigorosamente in bianco e nero. Fa molto uomo che procaccia i viveri per la donna cavernicola. Fa molto: Uomo che non deve chiedere mai.


Ci sono uomini che, in questa epoca virtuale digitale con smartphone che ormai non servono più a telefonare: servono a colorare fotografare ritoccare la realtà… ci sono uomini che rimangono sempre in bianco e nero.

Attaccati e replicanti del modello paterno nella società patriarcale: l’uomo lavora, esce la sera con amici e non deve dar conto a nessuno mentre la moglie tiene in ordine la casa, cucina e cura il bilancio familiare.

Sembra incredibile in questo periodo infuocato frantumato ammalato liquido che esistano ancora maschi così. Eppure.


Hanno scatole colme di tovaglie ricamate a mano dalla madre. Hanno scatole piene di ricordi. Non riescono a buttare: vecchi centrini, vecchie fotografie, videocassette, audio cassette, tesserine, astucci per il ricamo, vecchie e logore lenzuola, giacche, papillon, camicie, calze, scarpe…
Sono non solo legati al passato, sono dentro il passato. Lo vivono come se nulla fosse imperiosamente cambiato intorno a loro.

La donna – come nel passato – deve tacere, non dire. Avere un comportamento discreto, non chiedere, non essere. Essere invisibile. Fare ogni cosa sottovoce, in secondo piano, sullo sfondo. In modo che loro, gli uomini in bianco e nero, possano condurre la propria vita agevolmente dall’alto con la lustrascarpe ai piedi.

16 Comments

  1. Tempo fortemente che in molti uomini, in particolare in quelli “redenti” tendano a sfiorare di tanto in tanto il gusto per il bianco e nero. Ebbene, quando per caso cominciassimo a vedere comparire intorno a noi paesaggi sbiaditi, cominciamo da subito a a far rientrare aria nuova nella nostra (e, se riusciamo a conservarli) nella loro vita.

    Piace a 1 persona

    1. Ci sarà nei prossimi giorni la giornata contro la violenza contro le donne. Ho voluto sottolineare una violenza non fisica, ma ugualmente nociva, che è quella psicologica di chi si crede “superiore”. La prepotenza è dei fragili o dei malati. Buona serata cara Silvia 🌷

      Piace a 1 persona

  2. A me, che “piccola” lo sono veramente (metri 1,47) quando mi dicevano piccola, sottolineavo che no, piccola non ero, ma solo bassa di statura e che loro, grandi non erano, solo alti. Buona serata Eletta, anzi, buona nottata.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...