Poesie salvate dal rogo 5

Vedo il suo corpo avvolto nel sudario

coperto di bianchi lini

– pare morto –

invece sussulta un respiro

e move – di increspature lievi –

la cerea bocca.

Gli tolgo i panni ed è vivo.

Orrendamente ancora vivo.

Così è: l’osceno mio amore

che diseppellisce cadaveri.

13 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...