Poesie salvate dal rogo 4

Bugiardo impostore

che passi e depredi

che tutto saccheggi

– e mai sei sazio

di bere

sangue e vita –

Conta alfine quante lune

hai tu perso

a rimirare nefaste perle e sbavati fiori d’inchiostro.

Squame di lucertola su massi verdi.

Perderai l’anima e nemmeno te ne accorgerai.

Proseguendo stupidamente

sul filo rasente dell’asse di equilibrio.

Non vedrai il vuoto a inghiottirti.

Passar la vita

a trasferire ceci da una ciotola all’altra

per veder crescere la montagna

non è ricchezza.

5 Comments

  1. molte persone sembra non comprendano la gravità dei loro sbagli, forse la stupidaggine con la quale affrontano la vita è la chiave di lettura del loro stesso vivere.
    Questa bella poesia è molto riflessiva in tal senso, e sa arrivare al cuore 👍👍👏👏😉

    Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...