In agosto

In agosto arrivano i turisti. Su cento: due portano la mascherina. Affollano i percorsi, sciamano a gruppi. Molti hanno cani. Molti non li tengono al guinzaglio così come richiesto. Molti non camminano per scoprire le bellezze naturali. Arrivano – pochi passi dopo i due ristoranti rifugi – e si fermano a fare picnic o a prendere il sole nella prima pineta. Hanno fame di fresco. Prima di sdraiarsi si fanno fare le foto con il cellulare o si fanno un selfie con lo sfondo del lago.

I parcheggi sono pieni di macchine. Qualcuno parcheggia nei prati. Scendono intorpiditi dal caldo e cercano un po’ di aria fresca e pulita. Pochi resteranno. La sera, per molti, li aspetta un gravoso ritorno con infinite stancanti code.

Li guardo arrivare nel parcheggio. Con tenerezza. Rinnovo la mia gratitudine per aver scelto di vivere qui. La mia automobile è ferma da cinque giorni. Uso le gambe per muovermi e raggiungere distanze.

Attendo settembre quando sarà tornato il silenzio e i turisti saranno più rari.

Anni fa in agosto ero una di loro.

3 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...