Prime primule

Immagine da smartphone di Eletta

Col mare di nuvole a pecorelle e il prato pieno di prime primule e nove gradi sul percorso a settecento metri di questo inverno che non decolla.

Nel piccolo borgo le case di pietra e legno e le rose che non sono mai sfiorite stanno due uomini a sorbirsi il sole sulla panchina. E si fanno due chiacchiere. Perché siamo gli unici estranei nel silenzio diffuso ad aver valicato il confine.

Facciamo un piccolo percorso nel bosco fino a piccole cappelle votive e una casa sorta come un anomalo fungo in mezzo al nulla. Mi siedo tra le piante aromatiche che qui sono già in piena vegetazione ( le mie giacciono sotto la neve ) e hanno già i boccioli azzurri mauve.

Le rive boscose son piene di primule.

Immagine da smartphone di Eletta

Gli uomini sulla panchina han detto che troppo presto son venute. Troppo caldo questo inverno. Si sta sospesi tra il letargo e la letargia di aprile senza sapere dove stare. Eppure è febbraio.

5 Comments

      1. L’anno scorso ci sono state gelate e venti freddi a maggio che hanno bruciato tutte le fioriture delle piante da frutto, un disastro. Quest’anno toglierò le serre dei limoni solo dopo maggio.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...