Il mio pane

Il mio pane è la parola

Il mio pane è comunicare

Il mio pane è leggere

Il mio pane è scrivere

Il mio pane è confrontarmi

Il mio pane è imparare

Il mio pane è conoscere.

C’è chi riempie la pancia di cibo. Lo gusta, lo assapora, lo mastica, lo desidera. Il momento del pranzo e della cena è atteso per il piacere del cibo.

A me piace gustare le parole, assaporarne il suono e le assonanze, farle rotolare lungamente in bocca e nella mente e sentirne il sapore, a me piace masticarle e staccarle a brandelli.

Solo il rimbalzo emotivo delle parole mi crea un vero piacere perché soddisfa il mio bisogno di nutrimento.

Oggi, leggendo, ho scoperto che esistono parole vuote e parole piene.

la parola piena è tutt’uno con la manifestazione del soggetto dell’inconscio, mentre la parola vuota appare come vuota di desiderio e piena di Ego”.

Da: Jacques Lacan – Desiderio, godimento e soggettivazione – Raffaello Cortina Editore

Le parole sono ponti verso l’Altro.

6 Comments

  1. Mamma mia quanto sei brava , condivido quasi tutto quello che scrivi , mi piacerebbe condividere anche il pane , peccato che io non abbia le tue stesse capacità , tutti ci nutriamo degli stessi sentimenti ma pochi riescono a tradurli sulla carta con la tua stessa maestria .

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...