Come i rami

Immagine fotografica di Eletta

In diversi libri che ho letto ho trovato il paragone tra l’essere umano e l’albero. Non ho sotto mano i libri in questione, perciò scriverò quello che penso senza riferimenti e citazioni al riguardo.

Abbiamo radici. Le radici possono essere il luogo dove siamo nati o dove abbiamo costruito la nostra casa. Le radici, da cui traiamo linfa, possono essere anche quello che andiamo a cercare con i nostri infiniti tentacoli per crescere: il nostro nutrimento. Libri incontri stage convegni conferenze studi esperienze…

Nasciamo provvisoriamente, da qualche parte e, a poco a poco andiamo componendo in noi il luogo della nostra origine, per nascervi dopo, e ogni giorno più definitivamente”. RAINER MARIA RILKE

Tutta questa linfa che assorbiamo giorno dopo giorno serve per crescere. Per sviluppare il nostro tronco e la nostra stabilità nel mondo. Ci saranno venti tempeste piogge e sole, ci sarà aria e acqua e forse fuoco a minare la nostra stabilità, ma se siamo forti e flessibili come un giunco ci chineremo fino a terra, ma non ci spezzeremo. Il tronco è il nostro equilibrio. La nostra capacità di esserci nello sviluppo personale.

I rami cercano la luce. Attraverso la luce permettono la crescita delle foglie e dei frutti. Solo cercando la luce è possibile fruttificare.

Come i rami, cercando la luce, possiamo creare. La luce è energia. Solo facendo fluire l’energia possiamo ricevere e dare energia.

Sono verticale.

Ma preferirei essere orizzontale.

Non sono un albero con la radice nel suolo

che succhia minerali e amore materno

per poter brillare di foglie ogni marzo,

e nemmeno sono la bella di un’aiuola

che attira la sua parte di Ooh,

dipinta di colori stupendi,

ignara di dover presto sfiorire.

In confronto a me,

un albero è immortale

e la corolla di un fiore non alta,

ma più sorprendente…

Sylvia Plath

9 Comments

  1. A proposito di essere alberi mi viene in mente una meditazione, in cui ci si immagina proprio come un albero che, al soffiare del vento, lascia cadere le foglie secche… un esercizio per imparare a lasciare andare le cose che non ci servono più

    Piace a 1 persona

  2. Bellissimo Eletta! Siamo come gli alberi, con radici che affondano nella terra, quale origine terrena, e rami che si spingono verso il Cielo, quale origine celeste…senza quelle radici, che sono poi rami capovolti, non potremmo essere colonne vertebrali umane, che mantenendosi in equilibrio cercano di espandersi in verticale sostenendo il peso intero dell’Esistenza…davvero bello questo post, e anche la poesia.
    Mi piace sempre di più leggerti 🙂 un abbraccio

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...