Indolenza e insolenza

Nella catena dell’insolenza

– dell’immediatezza impertinente e sbrigativa –

mi chiedi conto del passato

appuntandomi una colpa

– come un marchio

sul bavero del cappotto.

Dovrei essere responsabile delle minuzie

dei giri di valzer del fato.

Nella torsione del discorso

dirotti le parole

perché non entrino

nella baia del silenzio.

Incalzi per una effimera supremazia.

Non sai le delizie del caos.

Ho sempre scartato i percorsi obbligati.

Non mi sono chinata al momentaneo.

Cerco l’assoluto nel cono d’ombra.

Una luce utopica.

3 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...