Nè viole nè pervinche

Nè viole nè pervinche vìolano la imperturbabile passeggiata dell’uomo asfittico asciutto e asettico. Chiuso nell’impermeabile blu non permette a un raggio di penetrare nel cuore. Non vede viole viola nè pervinche color pervinca. Non vede neppure le tenere primule e le prime pratoline. Non sente il profumo tenace e persistente della terra che si ridesta. Non gode di ogni passo sussurro respiro.

Sta distante. Non dentro. Non fa parte del quadro della rappresentazione dell’istantanea.

Lo fermo in tempo prima che il suo pesante passo calpesti una maculata salamandra.

14 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...