Poesie per l’estate: Sorvolare

Sor-volare le stanche cose

perpentuanti gemelle

dell’identico sé.

Ri – partire

con slanci diagonali

verso alti

angoli assolati.

Tratteggiare piccole parentesi

in gabbie di leoni

– ossuti resti bianchi –

a terra.

Ri- disegnare gli spazi

dell’ombra junghiana

affilando unghie

su scabrosi pareti.

Annegare in pozze liquide

macchiate di ninfee.

Re-stare lì.

7 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...