Ammassati per sciare

https://www.ilsecoloxix.it/italia/2020/10/24/news/covid-apre-la-stagione-a-cervinia-sciatori-ammassati-sulle-funivie-e-code-alla-biglietteria-1.39456921

https://images.app.goo.gl/BS8icceNZr9GcN5e8

Fatemi capire: oggi verrà diramato il nuovo DPCM e ieri a Cervinia tutti erano ammassati in coda e in funivia per farsi una bella sciata?

Crescono in maniera vertiginosa i dati del contagio e c’è chi non riesce a rinunciare a sciare?

Fuoco e fiamme a Napoli, e mascherina e tuta da sci per gli amanti della neve?

C’è un divario troppo grande, immenso tra questi due scenari. Tra chi ha perso il lavoro, tra chi non ha più un soldo e gli allegri sciatori che se ne sbattono di tutto e perseguono, come nulla fosse successo, il loro gradevole obiettivo: passare una bella giornata sciando.

https://tg24.sky.it/cronaca/2020/10/24/covid-cervinia-sci

Si è richiamata spesso la Responsabilità Individuale. Sto pensando di sospendere due appuntamenti settimanali che mi danno un minimo di piacere. Ho già sospeso il rito della colazione al bar da due settimane. Mi chiedo che responsabilità individuale hanno gli allegri sciatori ammassati in funivia e in coda. O si cammina uniti o non ha senso. O si prende la medesima direzione o nulla ha senso. O siamo tutti più responsabili, a partire da chi ci governa, o non ha senso.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/10/24/cervinia-2mila-persone-per-il-primo-giorno-della-stagione-polemica-per-le-lunghe-code-e-la-ressa-sulla-funivia-il-video/5978435/

Ieri mattina ero sola su un sentiero in alta montagna, mi ero seduta a prendere il sole perché era una magnifica giornata.

A un certo punto è comparso un serpente di una dozzina di persone che saliva. Appena ho visto mi sono messa la mascherina: mi sono passate accanto, una dopo l’altra, tutte senza mascherina e distanziamento. No comment.

25 Comments

    1. Non è questione di essere stalinista: è ovvio che esiste troppa disparità sociale tra chi chiude un’attività senza poter sfamare sé e i familiari e chi può permettersi di strafregarsene della epidemia e conduce la propria vita come se niente fosse. Stamattina nel mio paese in piazza non c’era un bar aperto per fare colazione su quattro e in Val d’Aosta fanno le code per sciare? Mi pare che sia al primo posto per indice di trasmissione.
      Oggi sapremo cosa e chi viene chiuso, tutti rinunciamo a qualcosa… evidentemente gli sciatori no. Poi parliamo dell’affollamento sui mezzi pubblici? Buona domenica Sibilla

      Piace a 1 persona

  1. purtroppo l’Italia è fatta così. è il Paese delle contraddizioni, il Paese dove prima sfilano per protestare e poi vanno in coda per sciare, certo non la stessa gente, ma la situazione è questa. C’è un’assoluta predominanza di individualismo, non ci potrà mai essere responsabilità comune se ognuno fa quello che vuole, e questo capita ovunque, in montagna come nelle grandi città. Ieri ho visto una comitiva immensa di giovani tutti radunati uno accanto all’altro, la maggior parte senza mascherina, ormai è così, ognuno va per la sua strada. E il dramma cresce, entro i primi di novembre a mio avviso arriveremo a 40.000 contagi al giorno, con tutte le conseguenze del caso…

    Piace a 1 persona

  2. Io mi sono messa in parziale isolamento già da una quindicina di giorni, con la suprema rinuncia della pausa caffè al bar, che mi pesa tantissimo (perché sono viziata). Cerco di evitare i luoghi e gli orari affollati, ma spesso incontro persone senza mascherina. Da oggi nella mia città pare che le cose vadano meglio. Dovrebbero essere però comportamenti seguiti dal gruppo, i singoli restano soli nella lotta… Ciò che mi sorprende più di tutto è il negazionismo di fatto di quelle persone che sfidano il contagio e altre fatiche per “divertirsi”.

    Piace a 1 persona

    1. Anche a me spiace non fare colazione al bar perché anch’io sono una viziata 😉 una brioche calda… mmmm che bontà con una bella tazza di ginseng.
      Ieri ho rinunciato al massaggio, oggi non rinuncio alla parrucchiera solo perché so che è una persona seria: un cliente alla volta e sanificando sempre.
      I negazionisti sono fuori. Qualcuno però, dopo, si trova dentro il reparto e, finalmente, capisce…
      Buona giornata Silvia 😉☺

      Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...