Il mana

“L’oggetto di scambio non era per i primitivi una cosa, non era ridotto all’inerzia e all’assenza di vita del mondo delle merci, ma era il veicolo del mana di colui che donava e nel dono esprimeva il suo potere, come potere o possibilità di perdere.

Il mana che accompagna ogni dono – questo spirito delle cose, come lo chiama Mauss – è ciò che obbliga nelle operazioni di scambio, perché la cosa ricevuta non è inerte“.

Da: Il gioco delle opinioni – Umberto Galimberti

Ancora oggi un oggetto può e-manare. Per chi mi legge da un po’ basti pensare alla storia dell’anello che mi è stato regalato: come posseduto da una sua debolezza intrinseca ha perso la pelle e poi è stato segato, rotto per il dito fratturato.

Regalare un anello, simbolo potente, dovrebbe essere un dono in completa sintonia con l’animo del donatore. Altrimenti c’è la frattura.

La stessa fede nuziale ha presagito la fine del mio matrimonio un anno prima infilandosi a tradimento in un portaremi da barca: il dito è diventato blu e la fede ha dovuta essere tagliata.

In questa società delle merci senza anima pensiamo di sottovalutare l’importanza della emanazione di un oggetto.

Ma non è così. E non vale solo per gli anelli, ma per qualsiasi dono per esempio un paio di scarpe o un vestito che, sotterraneamente porta e comporta il mana del donatore.

C’è sempre in gioco un’operazione di potere legata al dono, e per questo è previsto di ricambiare. Per equilibrare il potere di chi dona e non essere sottomessi e in debito.

A Natale scorso ho preferito regalare a mia madre e mio fratello una scatola con dieci bigliettini finemente decorati a mano da me. Mia madre dice che non riesce ad usarli perché le spiace sprecarli. In un oggetto fatto a mano direi che è ancora più presente l’emanazione del donatore.

Non desidero in alcun modo ricevere regali senza anima. Non hanno senso. Sono merci che si aggiungono inutilmente ai rifiuti di cui, purtroppo, è già troppo piena la nostra triste società consumistica.

Come un fiore emana naturalmente il suo profumo, allo stesso modo un dono emana solo se donato naturalmente dall’anima del donatore con piena adesione al simbolo sotteso.

7 Comments

  1. Anche a me piace donare cose che io stessa ho fatto, naturalmente adatte alle persone a cui vanno donate, sapendo bene che quell’oggetto darà loro piacere. Spesso, facendo un pizzo a uncinetto, a chiacchierino, da cucire poi a un fazzoletto, a un centrino ricamato, mentre lavoro è come se i miei pensieri restassero fissati, con il filo, nella trina.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...