ESTATE

Ed è

S ole energia calore

T intarella e

A bbandono languido con

T utta la pelle

E sposta

Quest’anno è la prima estate che avevo prenotato le vacanze. Tre tappe: Todi, Pompei, Porto Cesareo. Quest’anno avrei rivisto il mare dopo tanta montagna. Avrei nuotato. Sentito il sapore del salino sulla pelle scura. Avrei rivisto Todi e l’Umbria regione mistica, che amo quanto la vicina Toscana, e infine avrei visitato Pompei. Tutto saltato per il corona virus e gli interrogativi che ancora rimangono.

Estate nella mia infanzia ha voluto dire sempre mare. Si partiva con mamma per tutta la stagione estiva. L’odore del mare e del pesce accompagnava le giornate. Avevo sulla pelle la polvere della sabbia e il velo di salino. Diventavo scurissima e mi piaceva buttarmi con i ragazzi del paese sotto i cavalloni, quando c’era burrasca, per riemergere al di là.

6 Comments

  1. No! ma cosa dici mai. Cara Divina Eletta ‘a Muntanara cu l’orto chiene ‘e verdure,parti. Qui a Napoli, Pompei, Costeira e isole siamo a zero contagi e così la Puglia anche lei bellissima, regioni in cui si mangia benissimo. E ci si innamora di tutto quel che si vede e si è immersi. Qui da domani all’aperto non ci sarà più l’obbligo della mascherina, eccetto nei locali chiusi e negli assembramenti. Insomma, non rinunciarci. Per quanto mi riguarda sentirò il profumo della tua bellezza e della tua pelle salata e languida.

    Piace a 2 people

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...