Mi mancava

Immagine fotografica di Eletta

Mi mancava il bosco e il sentiero, i rami di pino spezzati dal vento e la neve vergine e cristallina.

Dopo mesi di assenza sono risalita al lago. La neve era azzurra nella parte in ombra e scintillava al sole. Scricchiolava sotto i piedi. In alcune zone era ghiaccio e occorreva fare molta attenzione.

Si è rotto il tetto di un capannino in legno, forse per il vento; le panchine erano in gran parte ancora sommerse dalla neve e il lago era in secca. Per il resto il paesaggio era quello di cui avevo nostalgia: silenzio e vette.

Il sole era lontano sul percorso e abbiamo camminato a lungo per trovarlo. Il bar del rifugio era stranamente aperto e abbiamo potuto bere un caffè. In estate diventa “il mio bar” dove ogni mattina faccio colazione con cappuccio e brioche. Non mi ero resa conto di quanto mi mancasse fino ad oggi.

Pensavo di essere fuori allenamento invece sono salita senza fatica.

” Questa è la libertà – disse la maestra – è qualcosa di invernale, qualcosa che non si può sopportare a lungo. Bisogna sempre muoversi come facciamo ora, bisogna danzare nella libertà. È fredda, è bella. Solo non innamorartene. Non ne ritrarresti che dolore, perché solo per brevi momenti, non più di tanto, si può indugiare nelle regioni della libertà”.

Da: Jakob von Gunten – Robert Walser

5 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...