Nel ventre della terra

Un silenzioso eco atmosferico

giù nel ventre della terra.

La pulsante parete che ti preme mentre passi in nastri soffocanti d’umida aria. I muschi hanno attaccato le loro verdi dita e vagano i lamenti. Poca luce inquieta rivela le linee gotiche del plasmabile. Un’intollerabile sensazione epidermica di peso e pressione. Le anse dei sotterranei ruscelli. La distanza va liquefacendosi man mano che scendi nell’ombra. Ti inghiottono atavici fantasmi. Poi, superati invisibili gradini, risali alla luce e ri-nasci.

19 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...