Ci sono dei giorni in cui tutto è bloccato assiderato ghiacciato fermo incastrato. Nulla scivola, si muove. Uno strano incantesimo immobilizza. Tutto rimane pietrificato, come in attesa. Ogni filo buttato gettato lanciato resta sospeso: non cade in acqua e non si impiglia nelle nuvole. 

Non resta che stare fermi. Attendere che nuovamente tutto scorra lungo il pendio, che torni il movimento, le linee cinetiche e le diagonali, i salti i balzi i passi. 

Tu butti un sasso e la superficie rimane immobile. Non si creano increspature onde concentriche. Diverse situazioni portano silenzio e immobilità. Neppure i fantasmi ti toccano. C’è solo vuoto. 

Così deve essere. Non resta che stare fermi in questo vuoto irreale. Stare con se stessi. Stare comunque in pace. C’è un tempo per ogni cosa. Quando questo accade conviene vivere questo tempo muto con serenità. 

10 Comments

  1. Il tempo muto è composto di silenzi, sguardi e lacrime feroci. E sodio che pizzica la lingua arsa di vita che scorre al di sotto di parole cadaveriche. Il tempo muto riposa nel sonno, sverna il di più e poi compare fulgido.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...