La mia coperta di stracci


La mia coperta di stracci
attende
l’ordine dell’ordito


E la trama si dipana


– tra sonnolenti giorni


senza ricamo –


se non di neve

lenta


fuori dalla finestra.

Non lascio

orme


se non nel sogno


su sabbie bianche…

Ti tolgo
dieci occhiali neri dagli occhi
– che non vedono
il troppo chiarore
del mattino –

Nessuno si sporge
dal balcone


– del proprio affaticato io –


per un canto


di tiepida speranza.

E
viene subito la notte
a inghiottire il nulla

3 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...