Inconscio

Non è questo il luogo in cui lascio spazio al mondo notturno onirico, ma oggi desidero dare una veloce pennellata. Stamattina mi sono svegliata con il lascito immaginifico del sogno: un nero enorme scorpione e l’uomo seduto. Ho scritto – per non lasciarlo evaporare – alcuni veloci appunti di memoria. Quello che ricordavo delle scene.

Vi voglio parlare dell’uomo seduto con le spalle al tavolo. Nel sogno gli dicevo che non era cortese dar le spalle a me e agli altri amici.

Ieri sera mi ero accordata con lui e degli amici per pranzare oggi nel nostro solito ristorante. Tutto era a posto ieri sera prima che scivolassi nel sonno. Eppure il mio inconscio sottolineava, catturando fili invisibili, che l’uomo avrebbe voltato le spalle a noi al tavolo alla compagnia.

Stamattina alle undici l’uomo mi ha telefonato per dirmi che purtroppo stava poco bene e non poteva venire a pranzo. Così a pranzo la sua sedia è rimasta vuota.

Non tutto quello che è diurno è visibile, non tutto quello che è notturno è invisibile.

8 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...