Categorie
Attimi

San Martino

La noia agli irti folli

scombinando cade

e sopra il cerebrale

urla e vaneggia il mal;

ma per le vie neurali

tra il trasferir di fili

va l’astro odor dei lini

l’anima a trallallà.

Gira il lettin scosceso

lo psico fischiettando:

sta il matto relegato

sul dorso a riguardar

tra le nerastre idee

sciami di api e ragni

com’eretici desideri

nel cranio

a ribollir.

Rielaborazione sconclusionata della poesia San Martino di Giosuè Carducci