S’odono


S’odono solo rapidi bisbigli attraverso la porta socchiusa. Un bussare lieve. Un amo sta appeso nell’ombra. Oscilla.
Lo sguardo inumidito dall’inchiostro non sbava. Trattiene e non inghiotte l’eccesso.
La femmina e la panthère si acquietano dopo il pasto.
Non rimbalzano le ottuse consonanti nel cupo tempo.
Verranno i tuoni di giugno quando improvvisi si riverseranno i freschi temporali.

13 Comments

Rispondi a Manuela Di Dalmazi Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...