Pasqua

Magritte

A proposito della Pasqua, a proposito dell’uovo immenso simbolo presente in tutte le culture fin dall’antichità…


C’è – basta aprire gli occhi e vedere che è diverso dal guardare – un rifiorire diffuso, un germogliare a nuova vita, una metamorfosi continua nei prati e nei campi, un ribollire di energie sotterranee che vengono alla luce così che è davvero difficile rimanere indifferenti e statici.



Ho visto nell’acqua le uova delle rane: ammassi gelatinosi pieni di puntini neri.
Tra poco usciranno le virgolette nere che guizzeranno.
Tutto turbina e si muove.

Odio la stagnazione, l’immobilità, la stasi. Adoro i lanci, i movimenti, i gesti che tracciano traiettorie luminose e dinamiche.


Diamo spesso troppo tutto per assodato. Il mobile e l’immobile al suo posto, l’amato al nostro fianco, il pranzo pronto. Ogni realtà è invece frutto di scelte continue. Di energia spesa in un determinato modo, invece che in un altro.


L’augurio pasquale che faccio a me e a tutti quelli che mi leggono è quello di saper rinascere ogni mattina, sbucando dal guscio della notte, con gratitudine e consapevolezza. Nonostante tutto. Verranno uova nuove da cui rinasceranno gli abbracci.

12 Comments

Rispondi a Paola Bortolani Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...