Lo scrittoio

Tu sempre taci
ignori lo scrittoio

dove siedo
tra le bianche carte vuote.



Per questo

lancio al vento
gli ami:
per avere parole
da masticare piano.


Ho fame di lettere elenchi virtuosismi
e ventagli,

in questa primavera
così disadorna e muta.



Uscita dal mio antro
non chiedo

che esaltanti mistiche parole
a ogni fantasmatico viandante.


Un cencio di parole

da gustare
adagio.

Le vocali e consonanti

appese ai fili
ad asciugare all’aria


– istantanee calligrafiche con zampe di ragno

che il mio occhio succhia.

10 Comments

Rispondi a Luigi Catillo Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...