Poesia corpo levigato

Dal web



Un attributo fondamentale che una poesia deve non solo possedere, ma in qualche misura rivelare è di non essere arbitraria.
Il modo dell’espressione o, se preferiamo, lo stile deve insomma sia affondare le radici in una particolare visione della realtà sia offrirne un corrispettivo adeguato attraverso la propria sostanza fisica, vale a dire attraverso il suo stesso corpo.
Ritmo, suono, intonazione, musica, tutto significa.
Nell’arte poetica lo stile è tutto proprio perché tutto è stile”.
Roberto Galaverni


Scrivere poesie non è arte semplice.

Quando mi capita di trovare dei miei scritti poetici ( sparsi ovunque: sul retro copertina di libri, su una delle molteplici agende, su fogli sparsi ) la prima sensazione rileggendo è di stupore, distanza.


L’ho scritta io? In che momento emotivo ero?

Poi, se mi viene voglia di riprenderla e pubblicarla devo comunque ri- sistemarla.

Il peso di una parola, di una virgola, la possibilità di tagliare un verso andando a capo, l’eliminazione anche solo di un articolo: tutto concorre alla valenza del corpo poetico.

Un corpo che abbisogna di particolari cure, direi quasi ossessive.

Se mi capitasse di riscrivere una poesia già riscritta: ancora e ancora, dovrei sistemare accarezzare massaggiare il suo corpo fino alla levigatezza.

Tanto vicina alla musica, tanto vicina alla composizione visiva, l’arte poetica ha molteplici componenti da tener presenti contemporaneamente. Non è solo una disposizione verticale di parole. Lo spazio vuoto è pieno.

Mi vengono in mente quelle pagine autografe di Barthes o Montale con tante aggiunte cancellature ripensamenti…

14 Comments

  1. ottimo lavoro, dovrei prendere esempio dal tuo riflettere anche per le mie opere di un tempo, accantonate in libri colmi di polvere e mai più sfogliate per fare spazio a nuove idee…
    Un caro abbraccio, buona serata…🤗

    Piace a 1 persona

  2. Io direi che per scrivere poesia, innanzitutto, bisognerebbe avere studiato la propria lingua, la sintassi e la metrica.
    Dopo ciò, si può fare distinzione fra la poesia “costruita” a tavolino, come la maggior parte delle poesie dei grandi poeti e quelle che a volte sgorgano dal cuore, o escono come pulsioni dalla mente, alle quali è necessario dare, comunque, un “ritmo”.
    Vero è che non basta mettere un po’ di belle parole in fila e andare ogni tanto a capo per fare poesia.

    Piace a 1 persona

Rispondi a elettasenso Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...