Categorie
Attimi

Surreale

Surreale situazione. Si procede attraverso una molteplicità di piani scomposti. Sulla neve, mentre osservo un albero con i rami contorti per farne uno schizzo sul blocco, fa caldo. Siamo sulla neve, ma volano farfalle. E si sta in maniche corte. Il sole scotta.

Al bar per un aperitivo c’è gente. Il parcheggio della piazza, normalmente deserto, è pieno. In un gorgo improvviso sale alla coscienza il motivo. Ci sono bambini e mamme e nonne: le scuole giù sono chiuse. Chi poteva è venuto su.

L’oscillazione psichica cambia repentinamente piano. Non è più Carnevale, non è più una giornata di primavera anticipata… non è più.

Non è più il piano consueto. Basta afferrare al volo cosa dice la gente… il tema unico attorno a cui gira tutto. Dona, purtroppo, un timbro inconsueto a ogni momento della giornata, una nota nascosta ma stridente, stonata.

Come in un armadio di vetro qualcosa si è rotto.