Emergenza

Ci si può svegliare nel silenzio ovattato, rotto solo dalle pale. Accendo la luce, ma la luce non c’è. Vado alla centralina, ma non va. Fa freddo. La stufa è spenta come la caldaia. Non riesco a farmi il solito caffè del mattino perché ho una fantastica macchina che funziona a cialde e non la vecchia e funzionante Bialetti. Faccio un the. Prendo la pila all’ingresso per vedere prima di aprire le imposte al bianco accecante.

Quanta ne è scesa! Copre ogni cosa. Non so valutarne l’altezza, ma in tutto l’inverno, non è mai stata così alta.

Il frigorifero è spento e mi auguro che ripristino la corrente prima che tutte le scorte alimentari che ho nel freezer scongelino.

Tra poco non avrò neppure acqua calda per lavarmi.

È proprio vero che non ci si accorge di quello che si ha quando manca.

Mi metto caldi indumenti per non congelare.

Ma, sapete qual è la cosa che mi manca di più in questa situazione? Un buon caffè caldo. La mia bevanda forte mattutina.

Prenderò sicuramente, appena l’emergenza finisce, una bella antica Bialetti e una scatola di caffè in polvere. Al diavolo le cialde.

10 Comments

    1. Davvero incantevole stamattina con il cielo blu e i cumuli morbidi di panna montata ovunque. Bellissimo. La montagna è anche questo. Le mie viole dormono sotto il manto nevoso ❄❄❄ buona serata caro

      "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...