Sposta le lune 


Bene: copierò anch’io, allora, le parole. 

Snerverò nel gelo il mio stanchissimo cervello. 

A quest’ora si beveva il calice dopo le strappazzate lenzuola flambé – e.

Non muoverò di un millimetro la diagonale delle gambe; la penombra della divaricazione.

C’è chi fa movimenti obliqui per togliersi dal falò. 

Sposta le lune altrove per stare acquattato nel cono d’ombra. 

Fatico sempre a non stanare chi si rintana. 

Eppure basterebbe una frase appuntita per ottenere la débâcle. Un appuntito stelo. 

4 Comments

Rispondi a massimolegnani Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...