Empatia e cooperazione


Ieri su Repubblica ho letto un interessante articolo di due psicoanalisti: Vittorio Lingiardi e Benedetto Farina.

Titolo: Dottor Freud aiutaci a COOPERARE.

Il tema è quello della relazione che si instaura tra paziente e psicoanalista in un rapporto terapeutico ma, a mio parere, è estensibile al campo intero delle relazioni umane.

Cito qualche passo per rendere meglio l’idea: ” Molte ricerche dimostrano che la promozione di un clima di cooperazione favorisce invece la capacità di provare empatia, di sintonizzarsi con i pensieri degli altri, di comprendere il funzionamento della mente propria e altrui e di lavorare sugli aspetti che portano a soffrire”.

Provare EMPATIA dunque e SINTONIZZARSI con i pensieri degli altri. Sta tutta qui la ricetta della cooperazione.

Entrare nella pelle degli altri. Calzare le loro scarpe. Portare la loro croce. Capire quello che provano. Empatizzare. Comprendere. Ascoltare. Capire.

Sofisticate tecniche di registrazione simultanea dell’attività cerebrale di due individui che interagiscono mostrano che l’attività elettrica dei loro cervelli, nelle aree evolutivamente più recenti come la corteccia frontale, si sincronizza quando devono compiere azioni coordinate e cooperative”.

In una buona relazione le cortecce cerebrali sono ben sincronizzate. In una buona relazione non c’è bisogno di dire quello di cui si ha bisogno, quello che serve, quello che ci preoccupa: il partner empatico sa cooperare perché sa mettersi in relazione profonda con lo stato dell’altro.

” La spinta motivazionale alla cooperazione ha richiesto lo sviluppo di capacità cognitive sempre più sofisticate come il linguaggio, l’empatia, la condivisione di scopi e decisioni, l’insegnamento”.

Cooperare vuol dire comunicare, parlare, condividere, scambiarsi opinioni e informazioni. Cosa ti serve? Cosa provi? Cosa senti? Come posso aiutarti? Cosa facciamo in questa situazione? Cooperare vuol dire anche rimboccarsi le maniche ed esserci concretamente per l’altro. Non solo a parole. 

Quando c’è il silenzio e l’indifferenza manca la cooperazione. Lo strato di humus su cui nasce la cooperazione è l’empatia. Sentire l’altro. Patire con l’altro. Nella parola empatia c’è la radice pathos=passione. Stesso etimo presente in un’altra parola della medesima area tematica: com-passione. Patire insieme ( non compatire ). 

” Se la mente umana si è sviluppata per cooperare non sorprende che, quando si ammala o soffre, la sua cura non possa basarsi che su una relazione cooperativa”.

16 Comments

Rispondi a alemarcotti Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...