Nastri

Qui, per una corsa tra le vette, il paese si è infiocchettato con nastri rosa. Fili ovunque: dai balconi fino a terra, perfino dalla torre del campanile.

Terminata la corsa i nastri sono rimasti. Il rosa sbiadito dal cocente sole.

– Li vedremo fino a Natale.

Qui ogni cosa è ferma. Gli addobbi natalizi restano alle finestre e sulle terrazze per mesi e mesi, fino allo scioglimento della neve dopo Pasqua.

Nessuno ha fretta di togliere. Così pare che sia sempre festa. La frenesia cittadina che si appresta a cambiare abito per ogni celebrazione qui manca.

Tutto è quieto calmo obsoleto consumato dal tempo dal sole dalla neve dal vento.

Svolazzano quindi i nastri sbiaditi a ricordare il cuore estivo e preparare la cromia autunnale.

6 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...