Lo specchio

Ho trovato questo video su un sito francese. Ve lo ripropongo perché lo trovo veramente interessante per tema, scelta stilistica e realizzazione. Sintetica, ma estremamente efficace.

Sto terminando la lettura di “Momenti d’ozio” di Kenkō. Alcuni interi paragrafi sono assolutamente insignificanti, mentre altri degni di essere ritenuti. In tema con il video vi propongo questo:

” Il passaggio dalla nascita alla vecchiaia, dalla malattia alla morte è ancora più rapido. Le quattro stagioni, in fin dei conti, hanno un ordine prestabilito.

L‘ora della morte non aspetta il suo turno. La morte non ci aggredisce necessariamente di fronte; può anche progettare di attaccarci proditoriamente alle spalle.

Tutti sanno che c’è la morte, ma essa arriva inaspettata, quando si ha l’impressione di avere ancora tempo e che la morte non sia imminente.

È come la marea che tutt’a un tratto sommerge le secche poco prima ancora protese nel mare aperto”.

Voi direte: ma che articolo fuori tema alle soglie di Ferragosto. In realtà, a mio parere, se solo fossimo più consapevoli dell’effimero vivremmo con più gusto sapore energia e joie de vivre ogni istante, che sia un giorno di lavoro ferie o una sacra ricorrenza. Non sprecheremmo più ogni istante.

14 Comments

  1. certo… da piccolo era un amore. Poi… sempre più brutto!
    Pure il figlio… co’ tanti bei bambini…
    …da vecchio coi tatuaggi, poi… nun se po’ vede’!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    😉

    "Mi piace"

Rispondi a annaecamilla Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...