La stordita 

La povera stordita

– stanotte l’ho proprio udita –
ricamava i suoi grovigli

annodava i fili e i resti 

aggiustava i 

rimasugli della vita

con le sue nodose dita.
Con le penne e i pennini

disegnava folte criniere

a diverse fiere nere

dipingeva

qualche pinna e lucente squama

ai guizzanti pesce rana.

Di-segnava nella selva 

tremila fili di capelli selvaggi:

fili d’erba e scarafaggi

fiati d’eremitaggi  

e scalpi di vecchi saggi.

5 Comments

Rispondi a elettasenso Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...