Lo scrivere

Lo scrivere è ricamo di pizzi ghiacciati e brine. Con un ago sottile tendere il filo e sgocciolare le parole.

C’è chi fa patchwork: pezzetti diversi assommati e collegati da grandi gugliate. C’è chi preferisce l’incanto del minuscolo, chi arazzi da parete.

Molti tessono con la testa china, filano e filano e sgrovigliano.

Davanti ai manufatti manoscritti si sta come davanti a opere pittoriche: a chi piace Van Gogh a chi Caravaggio. Questione di gusto e grammatica.

Il linguaggio è una carezza. Deve lisciare la superficie serica. Non pesare. Volare. Danzare.

Anche per fare un collage polimaterico serve gusto e occhio: non basta prendere a caso ed attaccare i pezzi. Accostare con equilibrio è armonia. Musica. Ritmo.

Tutti siamo capaci di copiare, pochi di creare.

17 Comments

  1. Perfettamente d’accordo anche se NON “””tutti siamo capaci di copiare””” Certamente “””pochi di creare”””!! “”””Il linguaggio è una carezza. Deve lisciare la superficie serica “”” E nessuno può copiare una carezza di un altro.

    Piace a 4 people

Rispondi a storiechecurano Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...