Quando si sa

Quando si sa che lei c’è. Quando si sa che lei ci sarà, a noi accanto, per lungo tempo… non c’è più motivo per tenerla stretta. Non servono più lacci e trame: quei fili invisibili che legano e incatenano, con lucchetti d’oro.

Tutto comodo in poltrona con le care amiche ciabatte, uno sbuffo ch’esce dalla pipa e la smunta maglietta. Non ci si scomoda a lanciare un pensiero, non servono domande: con chi sarà, dove sarà, cosa farà.

Perché lei è lí, accanto, con il suo esile corpo, rannicchiata con un libro. Sta scrivendo.

Per abitudine e pigrizia si sa che basta allungare un braccio e toccarla, ma non serve allungare un braccio tanto lei c’è. Basta emettere qualche parola, iniziare qualsiasi banale conversazione. Cosa mangiamo stasera?

Per quale motivo darsi il disturbo di una nuova, pulita visione? Perché inforcare gli occhiali e guardarla, vederla come se fosse la prima volta: i suoi occhi, la sua bocca, i suoi misurati gesti. Perché vederla davvero, togliendola dall’invisibilità dell’abitudine? Perché scomodarsi, alzarsi per una languida carezza sulla lanugine della nuca, come a un gatto. Gatta mia, mio amore, dolce femmina.

Lei è lì anche a cena e tu le mastichi adagio il cibo senza alzare gli occhi, spenti, dallo schermo televisivo. Cosa la guardi a fare la tua donna che ti serve il piatto fumante? Se ti bendassero, ora per un test chiedendoti: Cosa indossa la tua donna oggi, di che colore ha coperto con la veste il corpo, come tiene i capelli: raccolti o sciolti… neppure sapresti.

______________________

Se c’è una cosa che non sopporto é dare per scontata una presenza. É farsi inghiottire dall’abitudine in un rapporto e abdicare al compito quotidiano di inventare la promessa d’amore. Se c’è una cosa che non sopporto é il momento in cui l’altro diventa un pezzo dell’arredamento. Se c’è una cosa che non sopporto é non incantarsi più davanti alla diversità dell’altro con cui si è in rapporto. Una relazione di coppia ha bisogno di meraviglia, di invenzione, di attenzione costante. Come una pianta da innaffiare, potare e curare, come un animale domestico che porti a spasso e riempi la ciotola e fai paf paf sulla sua testa. Bravo cagnone, ma non ti sembra che sia ingrassato ultimamente?

16 Comments

    1. Bella domanda. Risposta: qualche volta sì, qualche volta no. Dopo un po’ di tempo diventare trasparenti comporta un tale avvilimento che non si riesce a fare nulla tranne che dissolversi nell’aria col un ologramma. 😀
      Buona giornata
      Eletta

      Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...