Meravigliarsi

Stamattina, quando stropicciata dal sonno ho aperto le imposte del terrazzo, ho visto che i nostri vicini che abitano nella grande casa davanti a noi, avevano tutti lo sguardo in su. In su verso la parete rocciosa e boscosa che scende dietro ovest. 

Ho guardato anch’io in su e li ho visti: i camosci erano sullo sperone roccioso. Una coppia saltellante che si divertiva con l’agilità invidiabile a salire e scendere, chiamandosi con lunghi fischi. 

Lo spettacolo è durato mezz’oretta, poi si sono inoltrati nel bosco lasciando il palcoscenico. 

La cosa che mi ha scaldato il cuore è stato l’atteggiamento dei miei vicini: loro abitano qui e quindi avranno visto questo spettacolo centinaia di volte. Eppure sanno ancora provare meraviglia, stupore. Sanno guardare e vedere uno spettacolo della natura con occhi di bimbo. 

È un anno ormai che abito questa zona tra i monti. Ogni giorno i medesimi percorsi, non c’è sasso che io non abbia calpestato. Mai ho provato noia. Ogni volta il percorso verso il lago, o verso il piccolo paese o verso l’alpeggio, ogni volta è stato diverso. Perché diversa la luce, diversa la stagione, diverse le fioriture e le fronde. 

Ci sono tremila posti del pianeta dove non sono mai stata e dove amerei andare. Nonostante lo scempio continuo degli esseri umani Madre Terra ha scolpito e creato luoghi incantevoli ovunque. Ma rimango dell’idea che non è tanto la magnificenza del luogo a dare la differenza. È lo sguardo capace di stupirsi delle piccole quotidiane cose anche nello stesso rettangolo di mondo. 

17 Comments

  1. Spesso, nonostante siamo forniti di occhi, da un lato non sappiamo vedere e dall’altro non vogliamo vedere . Se sapessimo farlo godremmo in maniera naturale della terra e di noi, ma siamo portori di cecità e quando vediamo uno scempio non ci riguarda e passiamo oltre.

    Piace a 1 persona

      1. Ciao Eletta, grazie per avermelo chiesto, ho chiuso i commenti e aperto un post per spiegare le ragioni di questa scelta perché mi sembrava giusto spiegarla.

        Piace a 1 persona

  2. Mi piace “aggiornare” questo post e i suoi commenti con una frase che ho letto ora: ” E gli uomini vanno ad ammirare le cime dei monti e gli enormi flutti del mare e le vaste correnti dei fiumi e l’ampio oceano e le orbite degli astri e finiscono col perdere di vista sè stessi”. – Sant’Agostino – Confessioni

    "Mi piace"

Rispondi a Transit Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...